Cuba arriviamoooo

Oggi ultimo giorno a Miami, anzi ultimo mattino, visto che ci imbarchiamo sulla nave dormiamo un po’ di più tanto abbiamo il check-out alle 11.00

Una volta svegli chiudiamo i bagagli, che nel frattempo sono aumentati: i due trolley si sono allargati e sono spuntati fuori due borsoni quasi pieni… quindi facciamo colazione in camera con il solito muffin, yogurt e succo d’arancio.

Una volta pronti scendiamo al piano terra per il check-out, per raggiungere il porto decidiamo di utilizzare Uber al posto del classico taxi.

In pratica attraverso un’applicazione è possibile prenotare la corsa, vedere già quanto si paga e fissare la chiamata.

Usciti dall’hotel lo attiviamo e in nemmeno 1 minuto arriva il nostro autista, che probabilmente era già sotto l’hotel i molto vicino alla zona, carica i bagagli e sul suo telefono c’è già la destinazione pre-impostata.

In pochi minuti siamo al porto, con 6 dollari mancia compresa, pagamento tramite telefono e servizio ottimo mi sa che lo utilizzeremo anche al ritorno.

Scesi al terminal G c’era già la Empress Of The Seas ad attenderci, l’imbarco scorre veloce tra il controllo bagagli e la creazione delle tessere da usare a bordo della nave sono circa le 10.30.

Arrivati in sala d’attesa, troviamo una rete Wi-Fi e facciamo una video chiamata a casa, per le 11.00 inizia l’imbarco a bordo, finalmente torniamo in crociera!!!

Purtroppo non abbiamo lasciato i trolley a terra per la consegna diretta in camera e così c’è li dobbiamo portare dietro come zavorre, percorriamo il tunnel e si sale in nave!!!

Che voglia di crociera, è dal 2014 che non saliamo più su una nave e avevamo proprio voglia di questo tipo di vacanza!!!

L’ingresso in nave, non è di certo spettacolare come quello della Allure Of The Seas, la hall centrale è piccola ma tutta la nave è molto discreta a differenza delle navi italiane che sono più pacchiane e colorate.

Scendiamo subito al ponte 4, dove si trova la nostra cabina e scopriamo che le camere saranno pronte alle 13.30, quindi saliamo al piano 10 per sederci all’aperto e aspettare l’orario del pranzo.

Purtroppo i bagagli con noi non ci permettono di girare alla scoperta della nave, ma ci godiamo il panorama dei grattaceli di Miami, scattiamo foto e video e chiamiamo nuovamente casa per mostrare il panorama.

Sono le 12.30 e decidiamo di andare a fare pranzo al Windjammer, la scelta come al solito è vasta, hamburger di tutti i tipi, würstel, carne, pasta, verdure bollite, tacos, burrito e ovviamente l’immancabile pizza!!!

Facciamo un piatto cercando di non mischiare troppo, il mangiare è buono e concludiamo con un tris di dolci!!!

Si è fatta l’ora di raggiungere la camera, finalmente possiamo posare i bagagli, la nostra stanza è una interna, anzi sarebbe più corretto dire un piccolo loculo!!

Un po’ strettina e pensare che sarebbe per 4 persone!!!

Sistemiamo i bagagli e usciamo dalla stanza alla scoperta della nave, la partenza è prevista per le 16.00, mentre giriamo scopriamo che era in corso l’esercitazione di sicurezza!!!

La facciamo per caso e poi saliamo al ponte più alto a poppa per goderci la partenza.

La nave salpa e ci lasciamo alle spalle i grattacieli di Miami prima e poi le spiagge di South Beach, scattiamo foto e video poi ci spostiamo sulla prua e ci corichiamo sulle sdraio per goderci un po’ di sole, mare, relax, insomma siamo finalmente in crociera!!!!

Rimaniamo sul ponte 10 fino alle 19.00 poi ci prepariamo per la cena, abbiamo prenotato il My Time Dining alle 20.30, la cosa comoda r che ogni sera della crociera possiamo cambiare l’orario come vogliamo e come ci è più comodo!!!

Prima cena al ristorante del ponte 5, questa sera il menu è in stile Cena Americana, quindi non sembra promettere bene la cucina americana l’abbiamo appena provata nei giorni pre crociera….

…ma invece in questo caso i nostri timori sono stati smentiti!!!

Abbiamo ordinato il classico cocktail di gamberi con salsa a scelta sopra, poi come piatto principale una bistecca americana e il Salmone con una leggera panatura, per finire con un tris di dolci veramente unico: torta al cioccolato, torta lime key è l’immancabile Apple Pie!!!

Uno più buono dell’altro, ma forse la Torta di mele superava tutti quanti tra le scelte dei tre dolci, vedremo di ripeterla se la incontriamo ancora!!!

Anche se rispetto alle navi italiane, manca il primo e il secondo, anche qua è ovviamente possibile ordinare più piatti, alcuni ad esempio avevano ordinato più Antipasti ed infetti è una cosa che faremo anche noi domani!!

Terminata la cena usciamo dal ristorante in direzione Photo Shop, per vedere la foto fatta alla partenza, ovviamente era già pronta e i prezzi non sono cambiati, sono sempre alti (20 dollari a foto) ma quella di ricordo non la possiamo non prendere e così scegliamo tra quelle che ci hanno scattate e ne acquistiamo una!!!

Facciamo un primo giro tra i negozietti della nave e balliamo un po’ con la serata di musica americana 70/80…. poi verso le 22.15 ci spostiamo verso lo Schoner Bar per sentire un po’ di musica dal vivo suonata con il piano…

La signora è brava, la particolarità è che gli spettatori scrivono su un foglio quello che vogliono sentire e lei lo canta, interpretandolo a suo modo magari, con piacevoli intonazioni differenti!!!

Per il tempo che siamo rimasti ad ascoltare non ha trovato canzoni che non conoscesse, ma premetto che non abbiamo inserito noi nessuna canzone italiana quindi….

Decidiamo di andare in camera per dormire, nel frattempo fuori la navigazione verso l’isola di Cuba procede, domani mattina saremo all’Havana per le 8.00 e dobbiamo sbarcare per visitare la città!!!

Al momento niente Wi-Fi e sulla nave il costo è esagerato, vedremo se all’Avana troviamo del free Wi-Fi o se invece per due giorni saremo senza internet… 😬

A domani notte