Mare nella piu bella spiaggia dell’America

Oggi è sabato, ci svegliamo come al solito intorno alle 7.00 e facciamo colazione in camera nel nostro hotel di Orlando con cookies al cioccolato e succo alla mela, ci prepariamo e usciamo.

Oggi la direzione è Clearwater, la spiaggia più premiata degli Stati Uniti come miglior spiaggia d’America, si trova sulla costa Ovest della Florida, quella che affaccia sul Golfo del Messico e che offre un mare più caldo e tranquillo.

Da Orlando Clearwater dista circa 1 ora e 30 di auto, traffico permettendo, cosi impostiamo il navigatore e si parte, prima andiamo in una delle spiagge del Sand Key Park, dove troviamo parcheggio proprio all’ingresso di uno dei pontili in legno classici della Florida.

Attraversiamo il pontile in mezzo al verde e si apre davanti a noi una spiaggia lunghissima e bianchissima, una sabbia fine fine che sembra borotalco e un mare tranquillo e trasparente nei colori del verde.

A stonare sono solo i lavori che stanno facendo per sotterrare un enorme tubo, lo attraversiamo passando sopra uno dei camminamenti fatti di sabbia che hanno preparato e ci godiamo il mare, sono circa le 11.00 e non ce molta gente in spiaggia.

Purtroppo abbiamo dimenticato in camera la stuoietta e i teli mare, quindi ci sediamo sulla sabbia e ci gustiamo il nostro nutella e grissini, vista mare, godendo della pace e della tranquillità di questo posto, con pochissime persone sulla spiaggia, i gabbiani e altre specie di uccelli che camminano in riva al mare.

Facciamo il bagno solo per meta, senza immergerci completamente, anche se l’acqua e bella calda, il sole va e viene, rendendo pero piacevole il rimanere in spiaggia.

Anche in questa spiaggia, come in moltissime spiaggia della costa Ovest, sono presenti le conchiglie, non in quantità esagerata come a Sanibel ma se ne trovano parecchi e cosi Sara si da alla ricerca per aggiungerne alcune nel vaso che abbiamo a casa.

Rimaniamo in spiaggia fin verso le 13.00, quando due gocce di pioggia e un nuvolone nero sopra alla testa ci suggerisce di tornare in macchina, giusto il tempo di fare due passi per arrivare alla macchina che si scatena un classico temporale della Florida, per fortuna avendo la macchina attaccata non ci bagniamo, impostiamo il navigatore verso la spiaggia di Clearwater che dista appena 5 minuti da li.

Mentre guidiamo verso la nuova spiaggia, attraversiamo un quartiere residenziale con da un lato mega ville con vista 91 dollaromare e accesso alla spiaggia diretto e dell’altra un quartiere classico americano con casette prefabbricate di legno una di fianco allaltra, con il giardino davanti e il garage da una parte, molto americano.

Nel frattempo mentre raggiungiamo la zona di Clearwater, ha smesso anche di piovere, con un po’ di fortuna troviamo un parcheggio proprio in prossimità del pontile, 1,25 dollari allora per 2 ore, parcheggiamo e scendiamo in questa zona che sembra più turistica, con i negozietti e il pontile, questa e la spiaggia più premiata degli Stati Uniti.

Il Pier 60 merita la sosta, i classici pontili americani che permettono di immergersi nel mare senza bagnarsi, questo pontile inoltre e diviso in due parti una accessibile a tutti e l’altra accessibile a pagamento (1 dollaro a testa) scattiamo un po’ di foto alla spiaggia di Clearwater, questa a differenza di quella dove siamo stati prima invece e affollata di gente, sara che e sabato ma sembra che tutti siano venuti in questa spiaggia!!!!

Clearwater e una spiaggia più simile alle nostre, attrezzata con ombrelloni e sdraio in affitto, ma molti americani si portano dietro la tenda da sole e le sedie pieghevoli con l’immancabile cooler con dentro birre, mangiare e un sacco di altre cose.

Decidiamo di passare oltre nel pontile, nella parte riservata ai pescatori, cosi paghiamo il dollaro e ci andiamo a sedere al fondo del pontile nella zona ombreggiata, ci gustiamo un aperitivo con patatine e gallette di mais mentre guardiamo dal mare la costa di Clearwater.

Rientrando verso la macchina, proprio nel negozio sul pontile, troviamo un addobbo per il nostro albero di Natale con Babbo Natale a cavallo di una tartaruga con la scritta Clearwater, cosi abbiamo anche il ricordo di questa spiaggia.

Risaliamo in macchina e impostiamo il navigatore verso loutlet di Tampa, non possiamo perderci anche questa tappa, in realta facciamo già un’ora di auto scarsa e ci avviciniamo a Orlando per il rientro questa sera.

Troviamo subito parcheggio e facciamo un giro all’outlet tra i vari negozi, anche qua e presente il negozio della Disney con gadget a prezzi scontati, questa volta non siamo molto fortunati e acquistiamo poca roba.

Ritorniamo in macchina verso le 20 e ci rimettiamo in direzione Orlando con il sole che tramonta dietro le nostre spalle, in circa 1 ora di auto raggiungiamo il nostro hotel verso le 21 e cosi dovendo ancora fare cena decidiamo di andare da Red Lobster che si trova proprio dietro al nostro hotel.

Ci facciamo una scorpacciata di astice, gamberi, capesante e Sara prende anche la pannocchia che qua viene preparata molto, veramente tutto buono e conto più che onesto, sui 50 dollari mancia compresa!!!

Usciti dal ristorante, belli imbottiti, andiamo in un supermercatino li vicino aperto h24 per rifornirci di cibo per la colazione di domani e il pranzo di domani, rientriamo in albergo per le 23.00 e dopo la doccia crolliamo a letto a mezzanotte… ma soddisfatti della bella giornata di sole, mare, spiaggia e shopping!!