Lu mare, lu sule, lu ientu

Se questo è il detto che caratterizza il Salento oggi in effetti lo abbiamo trovato durante la nostra giornata di mare…

La mattina inizia con una colazione modesta nel nostro BB Pilella, con crostata fatta in casa e altre cose confezionate, il proprietario molto gentile ci chiede se sapevamo già cosa fare oggi…

I nostri programmi erano ovviamente Maldive del Salento, appena c’è le se te nominare ci dice che sono belle ma che ascoltiamo lui ci fermiamo prima a Torre San Giorno, al Lido Pibeta che si trova poco fuori il centro abitato.

Ci spiega che essendo molto pubblicizzato le Maldive, sono strapiene di gente, a Torre San Giorno stessa acqua, sabbia e mare ma molta meno gente…

Non ci siamo mai stati e ci fidiamo, per fortuna facciamo bene perché in 12 minuti siamo già in spiaggia a Lido Pineta, parcheggiamo la macchina poco prima del parcheggio a pagamento e raggiungiamo a piedi il mare.

Si attraversa l’ampio parcheggio auto a pagamento e si entra in una pineta di alberi in cui sono presenti i giochi per bambini, un bar/ristorante, bagni, tavoli per picnic sotto gli alberi, da una parte si accede alla spiaggia libera e dall’altra a quella attrezzata.

Noi con le nostre srdaiette ci sistemiamo fronte mare e ci godiamo questo mare salentino, sabbia fine e acqua pulita anche se un po’ mossa dal vento che in Puglia è sempre presente ma rende anche più piacevole è sopportabile il sole…

Facciamo subito il bagno, qua l’acqua degrada piano piano, non è freddissima, nel frattempo la spiaggia si affolla noi rimaniamo fino alle 12.30 poi riprendiamo la macchina e andiamo a fare pranzo in una gelateria poco distante dal Lido.

Fa parte della catena Martinucci, che qua in Puglia è parecchio diffusa, prendiamo una brioche con gelato e un pasticciotto leccese crema e Nutella, la brioche era confezionata, non paragonabile a quelle mangiate in Calabria, il pasticciotto buono ma di Nutella ne avevamo messa proprio poca…!!!

Con la pancia piena ci spostiamo verso le famose Maldive del Salento, stabilimento balneare noto sul web per il bel mare ma anche per l’enorme sdraio con ombrellone posta sul lato strada che segna l’ingresso al parcheggio a pagamento (4 euro tutto il giorno).

Parcheggiamo l’auto in una traversa poco fuori e raggiungiamo la spiaggia a piedi, è strapieno di gente, la piccola spiaggia libera quasi non ha posto per sedersi, uno sopra l’altro, anche la zona con gli ombrelloni a pagamento è piena e sono tutti molto vicini…

Troviamo un buchetto in un angolo e ci sistemiamo con le nostre sdraiette, subito un bagno, poi ci asciughiamo al sole. Qua l’acqua è bella ma non cambia molto da quella di Torre S Giorgio dove siamo stati questa mattina con più tranquillità. La pubblicità fa miracoli e il Salento lo hanno pubblicizzato bene!!!

Stiamo 2 orette poi decidiamo di raggiungere Leuca, prima facciamo visita al Santuario e al Faro da cui la vista è stupenda, poi scendiamo con la macchina a Punta Ristola, il punto più a Sud di tutta l’italia dove c’è l’incontro tra i due mari.

Leuca è piccolina, con un lungomare carino ma poco centro abitato. Quindi ritorniamo indietro e ci fermiamo a Torre S Giorgio che è un paesino un po’ più grande, dobbiamo anche prelevare per pagare il nostro BB.

Alle 19.00 è ancora presto per cenare, facciamo due passi per il paese e guardiamo qualche negozio, poi Sara vede un ristorantino di pesce che fa il panino con il polpo fritto, proprio quello che volevamo!!!!

Ci divoriamo il panino, molto buono con polpo,ricotta, olio di alici, pepe e rientriamo in macchina.

Il navigatore ci fa fare una “bella” strada di campagna per raggiungere il bancomat di Ugento e poi rientriamo in camera abbastanza stanchi dalla giornata, doccia e letto!!!

Domani ci aspetta il trasferimento verso Otranto per visitare l’altra costa del Salento!!!