Antelope e Monumet che capolavori

La giornata di oggi è quella che ci porta più a est del nostro tour dei parchi ovest, ma prima di dirigerci verso il punto più lontano dalla costa che raggiungeremo, ci aspetta ancora qualche cosa da fare a Page e dintorni.La notte a Page non è delle migliori per Sara che non riesce a riposarsi e a dormire molto, di notte sente anche un litigio, alle 6.00 siamo già svegli il che non va nemmeno male perché ci permette di goderci al meglio la giornata…

Il nostro motel ci offre un piccolo patio davanti alla stanza che ci permette di fare colazione, dotato di tavolino e sedie, perfetto!!!

Lo prepariamo con due tovagline improvvisate con dello scottex e via di colazione, questa mattina più abbondante per durare fino a pranzo malgrado il sole e il caldo.

Yogurt, torta al limone e fetta di pane e Nutella accompagnate dal nostro succo minute maid in cartoccio, cosa vogliamo di più per colazione?

Si sta proprio bene qua fuori a fare colazione ma non possiamo esagerare con il tempo a disposizione, chiamiamo a casa via internet, e chiudiamo i bagagli, tutto pronto da caricare in macchina!!!

Alle 9.10 infatti dobbiamo essere alla partenza del Lower Antelope Canyon, non avendo più trovato posto per l’upper abbiamo ripiegato su questo…

Grazie alla prenotazione che ci ha fatto l’hotel entriamo dentro a confermare la nostra presenza e ci sediamo ad aspettare per qualche minuto, poi ci raggruppano saremo una 15ina e partiamo…

In questo caso niente macchina entriamo a piedi, dopo una breve passeggiata di 2-3 minuti siamo al punto di ingresso, una scala in ferro che ci porterà giù nel canyon, scende parecchio e in un punto è necessario scendere all’indietro, ma nulla di pericoloso diciamo solo meno agevole dell’altro che invece è tutto in piano se non sbagliamo…

Prima di entrare la guida ci imposta la macchina fotografica con alcune impostazioni per far rendere meglio le foto, ottimo altrimenti avremmo fatto un sacco di fotografie da buttare !!!

La visita dell’Antelope è un esplosione di colori e di luci e ombre stupenda, dai rossi ai gialli, queste pietre levigate dall’acqua e dal vento creano degli spettacoli unici, praticamente indescrivibili a parole, anche le foto di certo non rendono sempre giustizia a questo posto incantevole!!!

La visita prosegue con il percorso, si entra nella parte del canyon più recente per uscire da quella più vecchia, ma lo spettacolo è ugualmente bello!!!

Scattiamo tantissime foto e tra scalette e scale proseguiamo la visita fino a raggiungere alcuni punti più importanti come l’arco, dove la guida si presta a scattarci una foto insieme e più avanti l’hole in The rock dove ci fa vedere come l’ingresso del sole crea dei giochi di luce particolari…

Lanciando in aria della sabbia mette in evidenza il fascio di luce che il sole proietta dentro al canyon, foto a raffica e altra bellezza che imprimiamo nei ricordi di questo viaggio!!!

Sarà difficile tenere tutto a mente, il diario le foto e il video di certo ci aiuteranno a ricordare anche i dettagli minori che però rendono stupendo il viaggio!!!

Il tour all’interno del canyon dura 1 ora e 15 minuti, alla fine del tour usciamo da una fenditura nella roccia giusta giusta molto spettacolare, la guida ci mostra ancora come si è firmato il canyon milioni di anni fa.

Prima era tutto deserto, poi la pioggia ha bagnato la sabbia e il sole l’ha praticamente “cotta” trasformandola in montagna, un terremoto ha creato la spaccatura, il canyon, che poi la pioggia e il vento hanno modellato in questo modo stupendo, un capolavoro che solo la natura é in grado di realizzare!!!

Finita la visita al canyon, con ancora queste immagini stupende negli occhi ripartiamo, tappa al Walmart per prendere un po di viveri per pranzo e cena e poi direzione Monument Valley!!!

Due delle cose più belle che vediamo in questo viaggio nello stesso giorno, oggi abbiamo veramente esagerato!!!

In circa due ore raggiungiamo la riserva Navajo, paghiamo l’ingresso (20 dollari fino a 4 persone) ed entriamo, prima tappa il visitor center e poi la vista dalla terrazza….

Finalmente ci siamo la MONUMENT VALLEY ai nostri piedi, abbiamo aspettato tanto questo momento è per un attimo sulla strada per raggiungerla abbiamo pensato che la pioggia incontrata poteva rovinare tutto!!!

Invece no, qua come una riserva felice, il sole splende e si mostra in tutto il suo splendore!!!

Tutte le foto viste e riviste non rendono la stessa emozione della vista dal vivo, un po di foto e poi via di nuovo in macchina per percorrere il percorso intorno a queste rocce immense!!!

Un percorso che dura circa due ore, intervallato da punti di vista differenti con monoliti che assumo forme diverse, le tre sorelle, l’elefante, il cubo, il pollice e poi il punto di vista di Artist Point, forse quello che abbiano preferito per via anche della luce particolare che abbiamo trovato!!!

Terminiamo il nostro giro, evitando il più possibile le buche, la nostra macchina anche se bassa si comporta bene e nel percorso ne incontriamo anche altre uguali alla nostra, unica nota dolente la terra rossa alzata dalla nostra e dalle altre macchine ci ha reso la nostra Mustang un pasticcio :)) dopo il giro era più rossa che grigia ma forse la pioggia di questa notte potrebbe averla pulita…

Dopo circa due ore terminiamo il giro e arriviamo al visitor center giusto per il tramonto, andremo dopo a prendere la nostra casetta, scattiamo tantissime foto in diversi punti e ci godiamo ancora una volta questa vista in pieno stile western famosa in tutto il mondo…

Sono quasi le 19.30 quando facciamo

Il check-in velocissimo ed entriamo in camera, o meglio nella nostra casetta vista monument Valley….

La cadetti a è molto carina, tutta in legno, con una veranda fuori privata, la camera è per 4 persone con un letto matrimoniale e un letto a castello, ma forse in 4 si starebbe leggermente stretti…

La vista sulla valle vale il “prezzo del biglietto” anzi sarebbe il caso di dire dei biglietti :))

Per questa sera cena salutare in camera, vista monument, con insalata mista con pollo, formaggio presa a Walmart, cestino di more e dulcis in fundo fetta di cheesecake New York style per Enrico e al cioccolato per Sara…

Meglio di così non potevamo chiedere, anche perché avevamo letto che qua il ristorante non era il massimo…

Internet purtroppo non prende, forse perché ke casette sono troppo sperdute, ma ne facciamo volentieri a meno…

Andiamo a dormire, guardando e riguardando la valle ormai buia, alcuni lampi illuminano la sera è un temporale si scorge in lontananza…

Doma sveglia alle 6.00 per goderci il sorgere del sole, l’alba più attesa di tutta la vacanza…

A domani dal Gran Canyon…