La città che non dorme mai

Finalmente dormiamo in un super letto che ci fa recuperare anche le ore di sonno perdute prima a Lone Pine, oggi ci svegliamo un po più tardi ma nemmeno troppo, verso le 7.30!!!La nostra suite è bella accogliete ma fuori Las Vegas ci aspetta, oggi abbiamo in programma di visitare dentro un po di hotel, in modo da vedere quanto sono assurde queste costruzioni e quanto è particolare questa città!!!

Ma prima colazione in camera con il nostro pane e Nutella preso al Walmart alcuni giorni fa, grazie all’ampio spazio della suite ci accomodiamo in soggiorno in un angolo del tavolo e facciamo colazione!!!

Carichi e con la pancia piena usciamo per la visita ad alcuni hotel, il Cesar Palace lo abbiano già visto dentro il primo giorno visto che siamo andati a mangiare da Gordon Ramsay, quindi oggi lo saltiamo, prima tappa hotel è per il Bellagio ma cammina cammina sei sempre davanti allo stesso, la Strip non è lunga ma gli hotel sono talmente grandi che prima di arrivare al prossimo ci vogliono almeno 5-7 minuti di camminata, aggiungiamo il caldo ed ecco che per fare magari 1 chilometro sembra che di correre la maratona di New York…

Finalmente entriamo al Bellagio, dalla parte dei negozi e ci addentriamo nell’hotel fino alla hall centrale passando per i casinò, l’aspetto di questo hotel è molto elegante e curato nei particolari, nei corridoi enormi della galleria dei negozi delle riproduzioni di grandi ombrelli colorati dipinti sono appese al soffitto, arriva ti nella hall centrale poi l’apoteosi è raggiunta dal soffitto ornato di grandi fiori di vetro di Murano che fungono da lampadari un effetto bellissimo!!!

In tutto l’hotel poi la presenza di fiori freschi è altissima e di fianco alla hall nella zona centrale un giardino al coperto che simula la vita sotto il mare con tanto di pesci appesi al soffitto, meduse, una sirenetta tutta fatta di fiori, una conchiglia con perla gigante foche si apre e si chiude e una riproduzione in stile castello di sabbia del Bellagio, veramente una bella ambientazione!!!

Usciamo dal Bellagio dalla parte opposta da quella di ingresso e andiamo a fare le foto davanti all’hotel dove è presente il lago famoso per lo spettacolo delle fontane luminose danzanti, che vedremo alla sera.

Camminando incontriamo altri hotel come il Cosmopolitan, il Vdara e l’Aria in cui entriamo, ogni tanto siamo anche obbligati ad entrare perché il caldo fuori diventa insopportabile e gli hotel invece hanno tutti l’aria condizionata che rinfresca, a volte fin troppo!!!

In questo hotel invece regna la modernità il palazzo è un gratta viale a vetri altissimo e dentro la galleria di negozi e la hall sono più moderne, la classifica di hotel più bello per il momento la vince sempre il Bellagio 🙂

Proseguiamo la visita passando per il Mandarin, molto elegante e curato ma più hotel tradizionale e meno chick degli altri hotel di Las Vegas e raggiungiamo il New York New York, con la riproduzione dei grattacieli della Grande Mela, il Ponte di Brooklyn, un otto volante che attraversa tutta la struttura è una copia in piccolo della statua della libertà che ci fa ritornare in mente il nostro viaggio di nozze 5 anni fa!!!

Entriamo dentro e facciamo un giro anche in questo hotel, in stile newyorkese con il quartiere dei negozi tipo Soho-Little Italy, uscendo invece vediamo l’Excalibur con il suo castello delle fiabe coloratissimo!!!

Attraversiamo la strada per ritornare indietro e vedere gli altri hotel ma prima tappa obbligata al M&M WORLD, per vedere tutti i gadget di questi simpatici cioccolatini che sono diventati famosi in tutto il mondo, ci prendiamo anche un gelato con il biscotto tempestato di m&m e subito dopo entriamo nel negozio della Coca Cola, qua c’è di tutto con il marchio della bibita americana per eccellenza!!! Troviamo anche il pupazzo del l’orso che spesso si vede nelle pubblicità della Coca Cola e facciamo qualche buffa foto divertendoci!!!

Poi proseguiamo in direzione Paris, altro hotel che vogliamo visitare dentro, entriamo e qua l’aspetto è nuovamente curato e piacevole il quartiere dei negozi richiama le vie di Parigi, la riproduzione della Torre Eiffel alta un terzo di quella originale e molto bella, facciamo un giro veloce e continuiamo la nostra camminata sulla Strip, fino ad arrivare al Venetian, forse il più bello che abbiano visto!!!

Dentro è molto fino e tutto curato nei minimi dettagli, il cielo finto che anche se all’interno da l’idea di stare all’aperto, il pavimento lastricato, fontane, ristoranti italiani, una piazza con negozi e bar e poi l’immancabile Canal Grande con tanto di gondole che ti fanno fare un giro e gondoliere che canta le canzoni più improbabili che ci sono!!!

Insomma un concentrato di esagerazione che ricalca un po Venezia è un po inventa in modo americano la nostra città!!!

Questo è sicuramente il più bello degli hotel così particolari di Las Vegas!!!

Ciliegina sulla torta scopriamo che dentro c’è anche la pasticceria da Carlo’s, quella di Buddy Valastro che si vede in televisione, ovviamente non c’è lui ma andiamo a gustare qualche dolci o di sua produzione!!!

La coda è d’obbligo a qualsiasi ora, quando è il

nostro turno prendiamo due tortine piccoline: tiramisù e red velvet cake e poi due biscottoni che mangeremo domani a colazione!!!

Con la pancia piena della merenda o meglio del dolce dopo pranzo, andiamo a prendere la macchina nel parcheggio del Mirage per spostarci leggermente fuori dalla città per altre cose da visitare!!!

Primo fra tutti il negozio dei pegni, quello che si vede in televisione dove vengono venduti gli oggetti più strani, ovviamente dentro non ci sono i protagonisti del programma televisivo ma facciamo ugualmente un giro abbastanza veloce e poi usciamo proseguendo verso l’esterno di Las Vegas dove incontriamo le immancabili Chapel, le chiesette dei famosi matrimoni di Las Vegas, pensavamo che fossero più belle ma alcune carine tra cui quella in cui si è sposato Jon Bon Jovi ci sono e sono anche diversi i matrimoni che incontriamo!!!

Tutti vestiti in modo tradizionale, nessuna stravaganza, ma la quantità di spose che abbiamo visto a Las Vegas è più di quella che abbiamo visto in 2 anni a Torino!!!!

Da qua proseguiamo in direzione Freemont, la vecchia Las Vegas, da qua è nato tutto il mito della città del divertimento, anche se sarebbe meglio venire di sera per godersi i neon accesi che caratterizzano questa zona visto che il tempo stringe arriviamo verso le 17.00, alcune luci sono già accese ma non la volta superiore!!!

Qua c’è la più alta concentrazione di persone strane che si possono vedere a Las Vegas, vestiti in modi inimmaginabili, alcuni siano anche riusciti a fotografarli da lontano!!!

Una piacevole passeggiata per vedere anche questa zona di Las Vegas più “antica” ma ricca di fascino…

Decidiamo quindi di tornare in camera per una doccia, vedere alle 20.00 l’eruzione del vulcano davanti al nostro hotel dalla finestra della stanza e poi uscire per cena.

Così facciamo e alle 20.15 ci incamminiamo per il Bellagio, abbiamo un coupon per un 2×1 per il Buffet della cena, ma arrivati all’hotel scopriamo che ci sono 45 minuti di coda da fare…

Un po troppi, quindi cambio di programma, arrivando verso l’hotel ci siamo visti anche una parte dello spettacolo delle fontane luminose quindi decidiamo di tornare al Venezia perché prima avevamo visto tanti con il cartoccio della puzza di Grimaldi’s, è così facciamo in circa 10 minuti siamo seduti a tavola in attesa della nostra pizzona Big Size condita con funghi, olive e polpette… Un condimento un po insolito e tanto americano!!!!

Ci divoriamo la pizza, visto che eravamo affamati, e anche se la nostra è imbattibile non è affatto male e poi un po stanchi torniamo in c’era a dormire!!!

Domani lasciamo Las Vegas in direzione del Bryce Canion, saliamo di nuovo di quota e probabilmente farà più fresco!!!

Un po l’alternativa di aria condizionata e caldo di Las Vegas ci ha stufato, è un continuo metti e togli la maglia… Ma la città ci ha stupito per la sua particolarità anche se non è una meta in cui torneremo più è più volte!!! Una volta va vista perché è sicuramente uno spettacolo ma forse una basta e avanza… :))